CIRCOLARE 01/2019

CIRCOLARE 01/2019

DIRITTO DEL LAVORO

Pubblicata in GU la legge di conversione del D.L. Fiscale

Legge 17 dicembre 2018, n. 136

Nella Gazzetta Ufficiale del 18 dicembre 2018, n. 293 è stata pubblicata la legge 17 dicembre 2018, n. 136, recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria”.

Con riferimento alle tematiche lavoristiche, si segnala:

  • trattamento di mobilità in deroga per i lavoratori delle aree di Termini Imerese e di Gela – tale prestazione si applicherà ai lavoratori che alla data del 31 dicembre 2016 risultino beneficiari di un trattamento di mobilità ordinaria o di un trattamento di mobilità in deroga;
  • trattamento di mobilità in deroga per i lavoratori occupati in aziende localizzate nelle aree di crisi industriale complessa – tale prestazione è concessa per dodici mesi anche in favore dei lavoratori che hanno cessato o cessano la mobilità ordinaria o in deroga dal 22 novembre 2017 al 31 dicembre 2018, prescindendo dall’applicazione dei criteri, ex Decreto MLPS n. 83473/2014, a condizione che a tali lavoratori siano contestualmente applicate misure di politica attiva, individuate in un apposito piano regionale, da comunicare al MLPS ed all’ANPAL. Il lavoratore decade dalla fruizione del trattamento qualora trovi nuova occupazione a qualsiasi titolo;
  • disposizioni in materia di contrasto al fenomeno del caporalato – al fine di promuovere la programmazione di una proficua strategia per il contrasto al fenomeno del caporalato e del connesso sfruttamento lavorativo in agricoltura, viene istituito, presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il “Tavolo operativo per la definizione di una nuova strategia di contrasto al caporalato e allo sfruttamento lavorativo in agricoltura”;

IMPOSIZIONE FISCALE

Pubblicate in GU le nuove tabelle ACI per il 2019

Agenzia delle Entrate, Comunicato 20 dicembre 2018, n. 295

Nella Gazzetta Ufficiale del 20 dicembre 2018, n. 295 è stato pubblicato il Comunicato dell’Agenzia delle Entrate contenente le tabelle nazionali dei costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli elaborate dall’ACI.

I suddetti valori devono essere utilizzati per effettuare la tassazione del reddito in natura derivante dall’assegnazione delle autovetture aziendali ai dipendenti.

Vedi l’Approfondimento

INAIL, DENUNCE E COMUNICAZIONI

INAIL: disponibile la funzionalità “Tramite file” per la comunicazione di infortunio telematica

A decorrere dal 14 dicembre 2018, l’INAIL ha reso disponibile la funzionalità “Tramite file” della Comunicazione di infortunio per l’invio di una nuova comunicazione mediante il caricamento di un file in formato XML.

A partire dalla nuova sezione Atti e documenti > Moduli e modelli > Prevenzione > Comunicazione di infortunio è possibile scaricare:

  • il manuale con le istruzioni per l’utilizzo della funzionalità;
  • la documentazione tecnica;
  • lo schema XML del file e le relative specifiche tecniche;
  • le tabelle di decodifica necessarie per l’inoltro tramite file e la documentazione a supporto.

INAIL: approvato lo schema del cd. “Patto d’integrità”

Determina del Presidente del 17 dicembre 2018, n. 524

L’INAIL – con Determina del Presidente del 17 dicembre 2018, n. 524 – ha approvato lo schema del cd. “Patto d’integrità” tra l’Istituto e gli altri soggetti beneficiari di finanziamenti, sovvenzioni, contributi o altri vantaggi economici erogati dall’INAIL in materia di prevenzione per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Al riguardo, viene precisato che l’Istituto inserirà nei procedimenti di selezione aventi ad oggetto le iniziative prevenzionali, tra le condizioni di partecipazione, la sottoscrizione, a pena di esclusione, del patto di integrità che costituirà parte integrante dei provvedimenti di concessione dei finanziamenti, sovvenzioni, contributi o altro vantaggio economico.

INCENTIVI ALLE AZIENDE

Prorogato dall’ANPAL anche per il 2019 l’Incentivo Occupazione NEET

ANPAL, Decreto 28 dicembre 2018, prot. n. 581

In data 31 dicembre 2018, l’ANPAL ha pubblicato il Decreto 28 dicembre 2018, prot. n. 581 con il quale vengono prorogati i termini per usufruire dell’Incentivo Occupazione NEET: tale incentivo, pertanto, verrà riconosciuto anche per le assunzioni effettuate dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

L’incentivo, a pena di decadenza, dovrà essere fruito, entro il 28 febbraio 2021

Per quanto riguarda gli aspetti procedurali e le modalità di fruizione dell’incentivo de quo, si rimanda alla Circolare INPS n. 48/2018.

INPS, CONTRIBUZIONE

Conguaglio di fine anno dei contributi previdenziali e assistenziali per i datori di lavoro privati non agricoli

INPS, Circolare 28 dicembre 2018, n. 123

L’INPS, con circolare n. 123 del 28 dicembre 2018, ha fornito chiarimenti sulle operazioni di conguaglio di fine anno per i datori di lavoro privati non agricoli che utilizzano la dichiarazione contributiva Uniemens, al fine della corretta quantificazione dell’imponibile contributivo, anche con riguardo alla misura degli elementi variabili della retribuzione. Nel dettaglio, sono illustrate le modalità di rendicontazione delle seguenti fattispecie:

  • elementi variabili della retribuzione, ai sensi del decreto del Ministro del Lavoro e della previdenza sociale 7 ottobre 1993 (di seguito, per brevità, D.M. 7 ottobre 1993 );
  • massimale contributivo e pensionabile, di cui all’articolo 2, comma 18, della legge n. 335/1995;
  • contributo aggiuntivo IVS 1%, di cui all’articolo 3-ter della legge n. 438/1992;
  • conguagli sui contributi versati sui compensi ferie a seguito della fruizione delle stesse;
  • “fringe benefits” esenti non superiori al limite di 258,23 euro nel periodo d’imposta (art. 51, comma 3, del TUIR);
  • auto aziendali ad uso promiscuo;
  • prestiti ai dipendenti;
  • conguagli per versamenti di quote di TFR al Fondo di Tesoreria;
  • rivalutazione annuale del TFR conferito al Fondo di Tesoreria;
  • gestione delle operazioni societarie.

Le operazioni di conguaglio potranno essere effettuate dai datori di lavoro, oltre che con la denuncia di competenza del mese di dicembre 2018 (scadenza di pagamento 16 gennaio 2019), anche con quella di competenza di gennaio 2019. Poiché, inoltre, dal 2007 i conguagli possono riguardare anche il versamento di quote di TFR al Fondo di Tesoreria e le misure compensative, si fa presente che le relative operazioni potranno essere inserite anche nella denuncia di febbraio 2019 (scadenza di pagamento 16 marzo 2019), senza aggravio di oneri accessori. Resta fermo l’obbligo del versamento o del recupero dei contributi dovuti sulle componenti variabili della retribuzione nel mese di gennaio 2019.

INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

INPS: utilizzo del Libretto Famiglia per gli steward degli stadi calcistici

INPS, Messaggio 18 dicembre 2018, n. 4728

L’INPS – con Messaggio del 18 dicembre 2018, n. 4728 – ha recepito la Nota MLPS del 7 dicembre 2018, prot. n. 9712, secondo cui è possibile l’utilizzo delle prestazioni occasionali tramite il Libretto Famiglia per retribuire i servizi resi dagli steward all’interno degli impianti sportivi di calcio, a prescindere dalla capienza degli stessi, nei campionati della serie A, serie B e Lega Pro.

Inizialmente, tale possibilità era garantita solo per quegli eventi sportivi organizzati in spazi con capienza non superiore a 7.500 posti.

Vedi l’Approfondimento

La nuova funzionalità per la consultazione dello stato di avanzamento delle domande NASpI da dispositivi mobili

INPS, Messaggio 28 dicembre 2018, n. 4843 

L’INPS – con Messaggio del 28 dicembre 2018, n. 4843 – ha reso nota la nuova funzionalità per la consultazione dello stato di avanzamento delle domande NASpI da dispositivi mobili.

Nello specifico, al fine di consentire ai cittadini una migliore accessibilità alle informazioni, è stata rilasciata una nuova funzionalità dell’app INPS Mobile denominata “Esiti Domande NASpI” che consente all’utente, munito di SPID o PIN, di avere informazioni sullo stato della propria domanda tramite dispositivi smartphone o tablet.

Accedendo alla nuova funzionalità viene inizialmente proposto l’elenco delle domande NASpI presentate dal cittadino. Una volta selezionata la domanda di interesse è possibile avere accesso alle seguenti informazioni:

  • in caso di accoglimento della domanda, l’utente potrà consultare il prospetto di calcolo della prestazione NASpI e, quindi, i dati relativi ai pagamenti della prestazione disposti in suo favore;
  • in caso di richieste istruttorie, l’utente potrà consultare la lista dei documenti richiesti;
  • in caso di reiezione della domanda, l’utente potrà consultare i motivi che hanno determinato il mancato accoglimento.

INPS, PRESTAZIONI

Assegni familiari e quote di maggiorazione di pensione per l’anno 2019

INPS, Circolare 28 dicembre 2018, n. 125

L’INPS, con circolare n. 125 del 28 dicembre 2018, ha reso noto che dal 1° gennaio 2019 sono rivalutati sia i limiti di reddito familiare ai fini della cessazione o riduzione della corresponsione degli assegni familiari e delle quote di maggiorazione di pensione, sia i limiti di reddito mensili per l’accertamento del carico ai fini del diritto agli assegni stessi.

Nello specifico, le indicazioni illustrate con la suddetta circolare sono destinate ai soggetti esclusi dalla normativa sull’assegno per il nucleo familiare, ossia nei confronti dei coltivatori diretti, coloni, mezzadri e dei piccoli coltivatori diretti (cui continua ad applicarsi la normativa sugli assegni familiari) e dei pensionati delle Gestioni speciali per i lavoratori autonomi (cui continua ad applicarsi la normativa delle quote di maggiorazione di pensione).

Le tabelle aggiornate dei limiti di reddito da applicare a decorrere dal 1° gennaio 2019 nei confronti dei soggetti esclusi dalla normativa relativa all’assegno per il nucleo familiare sono allegate alla circolare (allegati da 1 a 4).

I limiti di reddito mensili da considerare ai fini dell’accertamento del carico (non autosufficienza economica) e quindi del riconoscimento del diritto agli assegni familiari risultano come di seguito fissati per tutto l’anno 2019:

  • 722,49 euro per il coniuge, per un genitore, per ciascun figlio od equiparato; 
  • 1.264,36 euro per due genitori ed equiparati.

Tali nuovi limiti di reddito valgono anche in caso di richiesta di assegni familiari per fratelli, sorelle e nipoti (indice unitario di mantenimento).

MANOVRA 2019

Pubblicata in GU la Legge di Bilancio 2019

Legge 30 dicembre 2018, n. 145

Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre 2018, S.O. n. 62 è stata pubblicata la legge n. 145 del 30 dicembre 2018 recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”.

Tra le molteplici novità (di carattere, normativo, fiscale, previdenziale e lavoristiche), non compaiono quelle inerenti il reddito di cittadinanza e “quota cento”: entrambe le tematiche verranno affrontate con successivi provvedimenti.

Vedi l’Approfondimento

REGOLARITÀ CONTRIBUTIVA E DURC

Verifica della regolarità contributiva in presenza di definizione agevolata

INPS, Messaggio 28 dicembre 2018, n. 4844

L’INPS – con Messaggio del 28 dicembre 2018, n. 4844 – ha ricordato che a decorrere dal 19 dicembre 2018, ex lege n. 136/2018, le richieste di verifica della regolarità contributiva, anche se pervenute anteriormente a tale data ed ancora in corso di istruttoria, dovranno essere definite con l’attestazione della regolarità sempreché non sussistano ulteriori esposizioni debitorie in altre Gestioni o sezioni.

La definizione della richiesta di verifica con tale esito, in assenza di registrazione sugli archivi della procedura “Gestione AVA” richiede l’accertamento presso l’Agente della Riscossione dell’avvenuta presentazione della dichiarazione di adesione alla definizione agevolata, ex art. 3, D.L. n. 119/2018.

APPROFONDIMENTI

IMPOSIZIONE FISCALE

Fringe benefit 2019: pubblicate in Gazzetta Ufficiale le tabelle ACI

Nella Gazzetta Ufficiale del 20 dicembre 2018, n. 295 è stato pubblicato il comunicato dell’Agenzia delle Entrate con i costi chilometrici elaborati dall’ACI per l’individuazione del fringe benefit 2019, derivante dall’utilizzo promiscuo delle autovetture e motocicli aziendali.

Per i nuovi veicoli che verranno eventualmente messi in commercio nel 2019, l’ammontare del reddito in natura sarà determinato prendendo a riferimento, dalla citata tabella ACI, quello che per tutte le sue caratteristiche risulti più simile.

A mente dell’art. 51, comma 4, D.P.R. n. 917/1986, per gli autoveicoli e i motocicli concessi dall’azienda ad uso promiscuo ai propri dipendenti e collaboratori coordinati, si assume, ai fini dell’individuazione del reddito imponibile (sia ai fini fiscali sia ai fini contributivi), il 30% dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali ACI, al netto delle somme eventualmente trattenute (o addebitate) al dipendente (tale importo deve essere fatturato dal datore di lavoro/committente al dipendente/collaboratore, con applicazione dell’IVA al 22%).

Il compenso in natura deve essere, poi, rapportato al periodo dell’anno (in trecentosessantaciquesimi) durante il quale al dipendente (o collaboratore) viene concesso l’uso promiscuo del veicolo.

Se il valore complessivo dei fringe benefit (compreso, quindi, quello convenzionale derivante dall’uso promiscuo dell’auto) riconosciuto al dipendente e/o al collaboratore (anche da parte di altri datori di lavoro), nel corso del periodo d’imposta interessato, non eccede € 258,23, questo è escluso, ex art. 51, comma 3, D.P.R. n. 917/1986, dalla base imponibile (quindi, risulterà esente sia da imposte, per il dipendente, sia da contributi per il dipendente e per l’azienda). 

INPS, DENUNCE E COMUNICAZIONI

I chiarimenti dell’INPS sulla gestione di stewart nelle manifestazioni sportive

L’INPS – con Messaggio del 18 dicembre 2018, n. 4728 – ha ribadito che è possibile utilizzare le prestazioni occasionali tramite il Libretto Famiglia per la retribuzione dei servizi resi dagli steward all’interno degli impianti sportivi di calcio, a prescindere dalla capienza degli stessi, nei campionati della serie A, serie B e lega Pro.

Al riguardo, l’Istituto ricorda che i soggetti utilizzatori possono accedere alle prestazioni occasionali effettuando le dichiarazioni di prestazioni lavorative tramite le modalità operative previste per il Libretto Famiglia, che consente la comunicazione delle prestazioni lavorative dopo il loro effettivo svolgimento.

È previsto che al termine della prestazione lavorativa, e comunque non oltre il terzo giorno del mese successivo a quello di svolgimento della prestazione stessa, l’utilizzatore, tramite la piattaforma telematica INPS o avvalendosi dei servizi di Contact Center messi a disposizione dall’INPS, comunichi i dati identificativi del prestatore, il luogo di svolgimento della prestazione, il numero di titoli utilizzati per il pagamento della prestazione, la durata della prestazione, l’ambito di svolgimento della prestazione e le altre informazioni per la gestione del rapporto.

Per ogni ora di prestazione lavorativa sono applicati gli obblighi retributivi e contributivi previsti per il Libretto Famiglia di seguito indicati:

  • € 8,00 per il compenso a favore del prestatore;
  • € 1,65 per la contribuzione IVS alla Gestione separata INPS;
  • € 0,25 per il premio assicurativo INAIL;
  • € 0,10 per il finanziamento degli oneri di gestione della prestazione di lavoro occasionale e dell’erogazione del compenso al prestatore.

Le società sportive dovranno effettuare il versamento della provvista per il pagamento delle prestazioni, della contribuzione e degli oneri di gestione a mezzo modello F24 Elementi identificativi (ELIDE), indicando i dati identificativi del fruitore e utilizzando la causale “CLOC”.

Per consentire l’accesso delle società sportive alle modalità di dichiarazione in specie, la procedura informatica sarà implementata con apposita sezione denominata “Società sportive steward stadi”, accessibile dal sito dell’Istituto all’interno del servizio “Prestazioni di lavoro occasionali e Libretto di famiglia”.

Per accedere alla sezione le società sportive dovranno preliminarmente inviare a mezzo PEC alla Direzione centrale Entrate e recupero crediti un’apposita richiesta, corredata della documentazione idonea a dimostrare di rientrare nell’ambito di applicazione della legge n. 91/1981 e svolgere attività di cui D.M. 8 agosto 2007, e chiedere che gli importi versati vengano accreditati sul portafoglio elettronico relativo alle prestazioni delle “Società sportive steward stadi”.

Entro i limiti previsti, è ammessa la possibilità di acquisire prestazioni di lavoro occasionali, intendendosi per tali le attività lavorative che danno luogo, nel corso di un anno civile:

a) per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore ad € 5.000;

b) per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore ad € 5.000;

c) per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore ad € 2.500;

c-bis) per ciascun prestatore, per le attività di cui al decreto del Ministro dell’Interno 8 agosto 2007, svolte nei confronti di ciascun utilizzatore, ex lege n. 91/1981, a compensi di importo complessivo non superiore ad € 5.000.

MANOVRA 2019

Legge di Bilancio 2019: le novità in ambito lavoristico

L’approvazione della legge di Bilancio ha avuto un percorso particolarmente tortuoso quest’anno, in quanto si è dovuto superare lo “scoglio europeo”, rivedendo il rapporto deficit/PIL dal 2,4 al 2,04%.

Di seguito, alcune delle principali novità:

  • flat tax pensionati – introdotta la flat tax al 7% per incentivare il trasferimento di pensionati italiani residenti all’estero nel Mezzogiorno da almeno 5 anni(in comuni con popolazione inferiore ai 20mila abitanti di Campania, Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna, Basilicata, Abruzzo, Molise);
  • riduzione tariffe INAIL –  riduzione delle tariffe dei premi INAIL, a far data dal 1° gennaio 2019 fino al 2021. L’ammontare della riduzione terrà conto sia delle risultanze economico-finanziarie-attuariali dell’Istituto, sia degli andamenti prospettici dello stesso istituto assicurativo. Incideranno sullo sconto, quindi, l’andamento degli infortuni aziendali e l’ammontare dei relativi costi sostenuti dall’INAIL. La riduzione dei contributi a carico delle imprese è pari a circa 410 milioni nel 2019, a 525 milioni nel 2020 e a 600 nel 2021, per un valore complessivo di circa 1,5 miliardi di euro nel prossimo triennio. L’abbattimento dei tassi medi per le imprese è del 32,72%;
  • assunzioni pubblico impiego – per l’anno 2019 la Presidenza del Consiglio, i Ministeri, gli Enti pubblici non economici, le Agenzie fiscali e le Università, in relazione alle ordinarie facoltà assunzionali riferite al predetto anno, non possono effettuare assunzioni di personale a tempo indeterminato con decorrenza giuridica ed economica anteriore al 15 novembre 2019. Quelle nelle università vengono posticipate al primo dicembre, con l’eccezione dei ricercatori a contratto che potranno essere quindi assunti come professori nel corso del 2019;
  • proroga trattamento mobilità – prevista la concessione del trattamento di mobilità in deroga, nel limite massimo di dodici mesi, anche in favore dei lavoratori che hanno cessato la cassa integrazione guadagni in deroga dal 1° dicembre 2017 al 31 dicembre 2018 e non hanno diritto alla Naspi;
  • APE sociale – prorogata la misura per gli over 63 in condizione di difficoltà con almeno 30 anni di contributi se disoccupati e 36 se impegnati in lavori gravosi, al 31 dicembre 2019;
  • opzione donna – prevista un’ulteriore proroga di opzione donna per fornire soluzioni di uscita anticipata alle lavoratrici, dipendenti e autonome, che potrebbero non riuscire a raggiungere “quota 100” per insufficiente anzianità contributiva o per limiti di età. Rispetto alla versione originaria la soglia di età sarà di 58 anni di età per (59 per le autonome) con 35 anni di anzianità contributiva;
  • investimenti qualificati – elevati dal 5 al 10% la soglia degli investimenti qualificati utilizzabili da Casse di previdenza dei liberi professionisti e fondi pensione;
  • Bonus assunzionale “eccellenze” – istituito un nuovo incentivo per l’occupazione, finalizzato alla stabilizzazione con rapporto di lavoro a tempo indeterminato di giovani con un brillante percorso di studi alle spalle;
  • Incentivo occupazione sud – prorogato l’incentivo già in vigore nel 2018.