LICENZIAMENTO PER SUPERAMENTO COMPORTO: INSUFFICIENTE INDICARE IL TERMINE DEL PERIODO

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 21 agosto 2018, n. 21042, ha deciso che nel caso di licenziamento per superamento del periodo di comporto non è necessaria la dettagliata e completa descrizione dei singoli giorni di assenza, ma la mera indicazione del termine finale di maturazione del periodo di conservazione del posto di lavoro non soddisfa il requisito di sufficiente specificazione dei motivi.